Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Defibrillatori da luglio entrano nell’attività sportiva del CSI

Il 20 luglio entra definitivamente in vigore la legge sulla dotazione e l’impiego da parte di società sportive di defibrillatori semiautomatici esterni. Il CSI ha disposto alcune norme tecnico-regolamentari che saranno ufficializzate in un’appendice a “Sport in regola”; queste sono le linee guida adottate dall’associazione nell’attività territoriale a squadre.
Per qualsiasi attività sportiva a squadre, è fatto obbligo alle Società sportive ospitanti, o prima nominate in calendario (siano esse “ASD” oppure “non. ASD”) di assicurare nel luogo della gara:
- un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)
- personale formato all’uso del DAE.
La società sportiva ospitata ha il diritto di verificare, su esplicita richiesta anche verbale alla società ospitante, prima dell’inizio della gara, la presenza del defibrillatore e del personale formato. La società ospitante, per mezzo dei dirigenti presenti, dovrà provvedervi immediatamente e comunque prima dell’inizio della gara.
Nel caso in cui la società sportiva ospitante non adempia alla richiesta della società ospitata, quest’ultima informerà immediatamente - e comunque prima dell’inizio della gara - l’arbitro il quale provvederà, insieme alla Società ospitata, alla verifica della presenza del defibrillatore e del personale formato (richiedendo a questi ultimi un documento di identità e quello che attesti la qualifica ottenuta per l’uso del defibrillatore). L’arbitro provvederà a riportare sul referto di gara gli estremi dei documenti presentati.
In ogni caso, in assenza o indisponibilità del DAE o in mancanza del personale formato all’utilizzo dello stesso, l’arbitro non darà inizio alla gara riportando l’accaduto nel referto. Successivamente, gli organi giudicanti preposti, disporranno la perdita della gara nei confronti della società ospitante o prima nominata in calendario.
Per le attività sportive che si svolgono con “fasi a concentramento” o in occasione della disputa di singole gare (finali o comunque gare giocate in campo neutro), il Comitato CSI, qualora lo ritenga necessario o opportuno, può disporre ufficialmente che l’onere della responsabilità ricada su se stesso in ordine alla dotazione, all’uso e alla gestione del DAE.
Attività individuale (territoriale, regionale, interregionale e nazionale)
Per qualsiasi attività sportiva individuale, è fatto obbligo alle Società sportive organizzatrici di eventi o al Comitato CSI organizzatore di assicurare nel luogo della gara:
- la presenza di un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)
- la presenza di personale formato all’uso del DAE. Le società sportive partecipanti hanno il diritto di verificare, su esplicita richiesta anche verbale alla società organizzatrice o al Comitato CSI organizzatore, prima dell’inizio della gara, la presenza del defibrillatore e del personale formato. La società ospitante oppure il Comitato CSI organizzatore, per mezzo dei dirigenti presenti, dovrà provvedervi immediatamente e comunque prima dell’inizio della gara. In caso di assenza o indisponibilità del DAE o in mancanza del personale formato all’utilizzo dello stesso, la gara non dovrà essere disputata; gli organi giudicanti preposti disporranno i conseguenti provvedimenti tecnico-disciplinari.