Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Il Centro Anziani di Darfo ospita gli oratori camuni

Subisce i paradossi del clima il palio degli oratori del CSI Vallecamonica; in pieno gennaio la manifestazione ha sfidato l’inverno organizzando la festa d’inaugurazione ad Artogne all’aperto, decisione premiata da un bel pomeriggio di sole nemmeno troppo freddo. All’inizio di maggio si pensava di poter svolgere senza intoppi i giochi di una volta all’aperto negli spazi dell’oratorio di Darfo. Invece il circuito dedicato agli oratori della Valle e dell’Alto Sebino è incappato in un pomeriggio poco primaverile e parecchio invernale con una pioggia battente e temperature freddine. Non si è perso d’animo il Gruppo Sportivo dell’Oratorio di Darfo che, nell’ex conventone, è riuscito comunque ad allestire con alcune modifiche il pomeriggio di giochi. Ospitati dal centro anziani darfense una cinquantina di rappresentanti degli oratori impegnati nel palio hanno dato vita a sfide improntate a giochi della tradizione popolare. Protagonista il gioco delle bocce con due prove di abilità allestite nei campi della struttura comunale. I concorrenti hanno prima cercato di bocciare sei bocce dislocate in posizioni diverse sul terreno di gioco, quindi hanno dimostrato la loro abilità nell’andare a punto lanciando le loro bocce all’interno di un bersaglio, con diversi punteggi, disegnato sul campo. All’interno del centro anziani hanno preso vita le sfide appassionanti con le figurine, più moderne rispetto al passato; nella postazione situata nel bellissimo cortile del conventone è stata messa alla prova la capacità dei partecipanti di centrare con alcuni cerchi dei paletti situati a distanze diverse. Il programma prevedeva anche una corsa con i sacchi a staffetta, il maltempo però ha impedito lo svolgimento di questa prova. Sono rimasti fermi ai box anche gli appassionati della bala a crèela, invitati dagli organizzatori a fare una dimostrazione di questo antico gioco popolare camuno. Era un’occasione anche per far provare agli atleti dei diversi oratori questa disciplina sportiva e promuovere la bala, opportunità rinviata ad un’altra occasione all’interno del palio. Gli appassionati della bala comunque non sono restati con le mani in mano e si sono cimentati anche loro nei giochi del palio. Al termine del pomeriggio di gioco è stata apprezzata la merenda gentilmente offerta dal Centro Anziani darfense, con i tesserati coinvolti anche nei giochi. Prosegue quindi positivamente la sperimentazione del palio degli oratori che ad ogni tappa offre spunti interessanti di discussione e indicazioni preziose per la prossima edizione dell’iniziativa. Quello che non manca, ed è alla base poi del progetto, sono il divertimento e la possibilità di mischiare le varie generazioni; con la collaborazione di tutti i partecipanti l’idea messa in campo dal CSI camuno non può che migliorare. La prossima tappa del circuito è dedicata al cammino; venerdì 2 giugno, in occasione del pellegrinaggio dello sportivo promosso dal CSI, si svolgerà la marcia di regolarità che abbina la parte “sportiva”alla condivisione della riflessione su alcuni valori insieme ai pellegrini.