Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Il nome degli sport complica la registrazione delle società sportive

Nel periodo natalizio era passata un po’ in sordina la Delibera 1566 del CONI dove erano definite le discipline sportive ammesse perché una società sportiva potesse ottenere il riconoscimento di Associazione Sportiva Dilettantistica ed essere quindi iscritta sul registro del CONI. Leggendo con attenzione la delibera si è notata la mancanza di alcune discipline sportive promosse dagli enti di promozione sportiva, ad esempio il calcio a sette giocatori molto diffuso nel CSI. L’assenza di questi sport portava alla conseguente cancellazione automatica dal registro del CONI alla fine di febbraio 2017 delle società sportive che avevano questa disciplina come attività principale con le conseguenze del caso. Su questo tema si sono mossi unitariamente gli enti di promozione sportiva e nei giorni scorsi hanno proposto al Segretario Generale del CONI Roberto Fabbricini, alcuni interventi per rimediare alla difficile situazione. Gli enti chiedono di far slittare a gennaio 2018 l’entrata in vigore del nuovo sistema di registro con il riassestamento delle discipline sportive, hanno presentato un elenco di discipline sportive dilettantistiche di base non inserite nella denominazione del Coni e chiesto di creare un tavolo di lavoro permanente per studiare e approfondire le nuove discipline sportive. L’impegno del CONI è quello di convocare a breve un incontro con il Presidente Giovanni Malagò per chiarire la situazione. Nel frattempo il CSI ha provveduto a modificare la “descrizione” di alcuni nostri codici disciplina del tesseramento affinché siano il più allineati possibile a quelli del CONI. Si tratta solo di modifiche formali per evitare interpretazioni sbagliate, che non modificano affatto l’uso del codice, che resta immutato. Il CSI rende inoltre noto che ora è OBBLIGATORIO compilare, sulla scheda di affiliazione della società sportiva, il campo denominato “Codice attività principale nel Registro CONI”, che fino a ieri era facoltativo, soprattutto se la società è una ASD ed in particolare per quelle che praticano solo discipline non più ammesse. La compilazione del campo avviene attraverso la selezione della attività da un menù a tendina; nel menù appaiono solo le discipline CSI che sono inserite nell’elenco emanato dal CONI e ciò ci dà la sicurezza della iscrizione della ASD al Registro. Questo campo va compilato per le ASD già affiliate, mentre per le società nuove e quelle che rinnovano d’ora in avanti, il campo sarà obbligatorio.
Ricordiamo inoltre che per le ASD:
1) vanno scansionati e caricati in piattaforma tutti i documenti sociali
2) vanno indicati negli appositi campi gli estremi di registrazione dello statuto
3) vanno tesserati almeno 3 dirigenti maggiorenni
4) vanno tesserate almeno 10 persone
La Presidenza Nazionale sta tenendo fortemente e costantemente monitorata la situazione di difficoltà creata dalla delibera del CONI che , fortunatamente, impatta in modo assai minimo il CSI rispetto agli altri Enti di Promozione Sportiva e ciò testimonia la serietà del lavoro svolto dall’associazione nei comitati.