Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Il titolo Top Junior è dell'Oratorio Piamborno

Sfuggito per un soffio lo scorso anno il titolo della categoria Top Junior arriva, meritatamente, nell’Oratorio di Piamborno. Dopo aver eliminato in semifinale i favoriti dell’F.C. Cividate i ragazzi di Piamborno si aggiudicano lo scudetto 2017 battendo, grazie ad un primo tempo perfetto, il Baraonda Junior di Gianico. Ad ospitare l’atto finale del campionato di calcio del CSI camuno riservato ai Top Junior è il capo di Cividate Camuno messo a disposizione dall’Oratorio. Come nella finale femminile anche in questa occasione bel colpo d’occhio sulle tribune del campo parrocchiale, una cornice degna di un torneo di buon livello tecnico. Anche nell’ultimo appuntamento della stagione grande equilibrio tra le quattro finaliste scese in campo. A contendersi il terzo gradino del podio sono la formazione di casa, delusa per l’eliminazione all’ultimo secondo patita nella semifinale di ritorno, e l’U.S. Pescarzo, al debutto in questa categoria e già fra le migliori quattro del lotto. È il F.C. Cividate a fare la partita ma non stanno certo a guardare i ragazzi di Pescarzo sempre pronti a ripartire e pericolosi in diverse occasioni. Il ritmo nel primo tempo è abbastanza compassato e le difese riescono a prevalere con una certa facilità sugli attaccanti; non si sblocca quindi il risultato e le due formazioni vanno al riposo sullo zero a zero. Cambiano passo nella ripresa le due finaliste; dopo due minuti passa in vantaggio il Cividate che si procura anche altre occasioni per aumentare il bottino. Bella la reazione del Pescarzo che al 13° pareggia con Mauro Furloni. Di nuovo in vantaggio, quattro minuti più tardi, i padroni di casa grazie a Paolo Ballerini; orgogliosa replica degli avversari che però si infrange sulla traversa e nella ripartenza successiva arriva la terza rete per il Cividate. È il passaggio decisivo del confronto perché gli ospiti si demoralizzano e, con soli cinque minuti a disposizione, non riescono a trovare le forze necessarie per tentare la rimonta. Dilaga quindi nel finale il Cividate in gol ancora due volte con Manuel Menolfi mentre il Pescarzo limita il passivo con la seconda rete di Mauro Furloni. Parziale riscatto quindi per il F.C. Cividate che, ospitando in casa le finali, ci teneva a fare bella figura, peccato per l’occasione sfumata di giocarsi il titolo tra le mura amiche. Bene la compagine di Pescarzo in partita fino a pochi minuti dal fischio finale, qualche ricambio in più forse avrebbe consentito una reazione diversa nei minuti decisivi. Partono subito con il piede sull’acceleratore le squadre di Piamborno e Gianico scese in campo per giocarsi il titolo dei Top Junior; niente attendismo quindi e subito all’attacco. Il risultato si sblocca così dopo meno di un minuto, è il Baraonda Gianico a mettere a segno la rete del vantaggio grazie al capitano Leonardo Giovannelli. Non si scompongono i ragazzi di Piamborno e il pareggio arriva quattro minuti dopo con un gran tiro di Francesco Crisafulli. Meglio organizzato e ben disposto in campo l’Oratorio Piamborno si difende con ordine e al decimo raccoglie i frutti del proprio gioco con il raddoppio di Andrea Ruggeri. Troppo errori e tanta frenesia nel Gianico che non riesce ad esprimersi al massimo, la terza rete proprio allo scadere ancora di Francesco Crisafulli mette il sigillo all’ottima prestazione del Piamborno. Il Gianico effettua alcuni cambi nella ripresa, migliora l’impegno ma non il gioco caratterizzato ancora da parecchie imprecisioni; a rendere più difficile il compito del Baraonda arriva all’undicesimo il quarto gol degli avversari siglato da Ruggeri con la complicità di un terzino avversario. Basta poco però per riaccendere la partita, la rete su punizione di Mattia Bonù scuote il Gianico che attacca a testa bassa e, un minuto più tardi, ridice ancora le distanze grazie a Fabio Cotti. Il Piamborno perde la sicurezza della prima parte del confronto e subisce ora l’iniziativa degli avversari galvanizzati dalle due reti consecutive. Quello che manca al Gianico però è il tempo necessario a completare la rimonta; il Piamborno nonostante le difficoltà finali regge e porta a casa un titolo meritato per il bel gioco espresso per almeno quaranta minuti. Il Baraonda Gianico ha sprecato un tempo, la conclusione in crescendo non è bastata a recuperare una partita iniziata benissimo e rovinata dalla troppa frenesia di recuperare lo svantaggio. Le premiazioni effettuate dalla responsabile del settore calcio Ines Tonsi hanno concluso il bel pomeriggio calcistico ospitato a Cividate Camuno.

Tags: