Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

L'attività sportiva come Missione con il CSI

L’esperienza di volontariato sportivo internazionale promosso dal CSI è stata tra i protagonisti della giornata missionaria proposta dalle suore dorate di Cemmo nel Centro Mater Divina Gratia di Brescia.
Il programma dell’iniziativa ha proposto in mattinata l’incontro con Giovanni Rocca, Segretario nazionale Missio Giovani, sul tema “Giovani per il Vangelo”. Dopo il pranzo povero “per farci solidali con i fratelli e le sorelle più bisognosi”, nel pomeriggio spazio alle testimonianze di volontariato in diverse missioni del mondo.
Alcuni volontari del CSI Vallecamonica hanno proposto l’esperienza vissuta nella Repubblica Democratica del Congo e ad Haiti con l’iniziativa “CSI per il mondo”. Si è parlato poi di Burundi dove è stata proposta nella missione di Matongo animazione dei bambini e giovani in parrocchia, Argentina con l’animazione nelle Comunità della Casa della Gioventù, quindi l’esperienza di Bukavu (RD Congo) per l’assistenza sanitaria in ostetricia. In Burundi (Murayi) ha preso corpo il progetto di assistenza sanitaria ed animazione, in Mozambico l’alternanza scuola-lavoro, in Perù l’animazione nella scuola e nel territorio dopo alluvione e infine in Grecia un progetto di giocoleria fra i rifugiati politici.
L’incontro si è concluso con la celebrazione eucaristica presieduta dal comboniano padre Mario Fugazza. La giornata missionaria è stata anche l’occasione per presentare il progetto di sostegno agli allievi poveri della scuola di Ruganza in Burundi.
La scuola materna conta 72 bambini e 2 educatori, mentre la primaria e secondaria hanno 1.018 allievi e 25 insegnanti. Tanti bambini provengono da famiglie molto povere che non sono in grado di pagare la retta e acquistare il materiale didattico e quindi l’abbandono scolastico è molto elevato.
Le suore dorotee propongono interventi per suddividere gli spazi scolastici tra scuola materna ed elementare, ripristinare i servizi igienici ormai vetusti, installare undici armadi per conservare e sistemare il materiale scolastico, acquistare materiale scolastico, formare gli educatori della scuola materna e sostenere la retta scolastica per i più poveri.