Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

La Polisportiva Disabili Valcamonica solidale con le Marche

Come promesso una delegazione della Polisportiva Disabili Valcamonica ha raggiunto nei giorni scorsi la provincia di Macerata ed ha consegnato tre mila euro all'ANFFAS dei Monti Sibillini. Serviranno per gettare la prima pietra della nuova sede dell'associazione che opera fra i comuni di San Ginesio e Sarnano in provincia di Macerata dopo che i locali della parrocchia dove svolgevano attività e laboratori per la settantina di ragazzi disabili che frequentano il centro sono stati destinati ad accogliere gli sfollati del terremoto. Alcune frazioni dei due comuni, a causa del sisma, sono state completamente evacuate. L'ANFFAS ha ceduto volentieri a chi non ha più una casa la sua sede. Ma per continuare il lavoro avviato anni fa, ora ha bisogno di trovare locali adatti. La Polisportiva Disabili Val Camonica – su suggerimento di Nelio Piermattei e Mauro Ficerai del FISDIR (Federazione italiana sport disabilità intellettiva relazionale) che erano presenti a Sarnano, ha individuato dunque in questa associazione quella a cui destinare i fondi raccolti durante la festa di fine anno. L'assegno di 3 mila euro – raccolti con la vendita dei calendari e rinunciando al pranzo di Natale - è stato consegnato nei giorni scorsi da una delegazione camuna direttamente nelle mani della presidente Cinzia Antoniozzi e di altri membri dell'associazione marchigiana. La spedizione camuna era composta da otto membri la presidente Gigliola Frassa, il responsabile tecnico Angelo Martinoli, tre atleti Alessandro e Andrea Provera con il papà Roberto, Sara Bonfanti e i volontari Pietro e Paola. L'accoglienza è stata davvero molto calorosa: Cinzia, suo marito Peppe, altri volontari, ma anche il parroco e gli assessori dei comuni di San Ginesio e Sarnano, insieme ad alcune delle persone ospitate nel centro per gli sfollati, hanno fatto gli onori di casa sotto la tensostruttura che ospita la chiesa e le associazioni del territorio temporaneamente. Calore, fraternità, amicizia hanno caratterizzato l'incontro tra l'ANFFAS dei Monti Sibillini e la Polisportiva di Val Camonica. Dopo la consegna dei fondi raccolti in Valle e un brindisi, i responsabili dell'associazione hanno accompagnato la delegazione camuna fra le case abbandonate e devastate dal sisma. Particolarmente commovente la testimonianza dei ragazzi disabili presenti che sono rimasti colpiti dagli effetti del sisma e hanno potuto vedere con i loro occhi ciò che i loro amici devono sopportare. Un'esperienza unica ed indimenticabile per tutti che non resterà però isolata perché ora si pensa ad altri aiuti all'ANFFAS dei Monti Sibillini e ad un gemellaggio. Intanto dalle Marche è arrivato un ulteriore ringraziamento che ha raggiunto la Polisportiva qualche giorno dopo il rientro. Ecco il testo della lettera:
“Ancora grazie Gigliola e Angelo a voi e a tutta la vostra grande organizzazione per la straordinaria sensibilità che vi ha portato a fare questo gesto. Ogni criticità si vive con una luce diversa sentendo la vicinanza che ci avete fatto percepire quando siete venuti a Pian di Pieca nel nostro incontro coinvolgente. Tutti i presenti hanno vissuto con il cuore un momento di vera solidarietà nel quale si intravede la possibilità di progettare un presente ed un futuro più sereno. Noi associati ringraziamo di cuore ognuno di voi e vi auguriamo un Santo Natale e Felice Anno Nuovo. Con stima e ammirazione, Cinzia e Peppe per le famiglie Anffas Sibillini”

Marco Filippi Pioppi