Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Per il ginnasta Mario Gabossi una pioggia di medaglie mondiali

Si sono disputati a Mortara (PV) sabato 14 novembre i Campionati Mondiali di ginnastica artistica e ritmica riservati ad Atleti con Sindrome di Down; alla competizione erano presenti ben dieci Nazioni in rappresentanza di Europa-Russia-Stati Uniti-Sud Africa. Nella Squadra Nazionale Italiana gareggiava anche l’atleta juniores della Polisportiva Disabili Valcamonica Mario Gabossi che si è classificato al 2’ posto (medaglia d’argento) dietro un atleta americano, nella classifica generale che tiene conto dei risultati ottenuti nelle singole discipline (corpo libero, volteggio, anelli, cavallo con maniglie; sbarra; parallele) mentre ha ottenuto 3 medaglie d’oro, una d’argento e una di bronzo nelle diverse discipline. Da segnalare l’elevato livello tecnico e professionale degli atleti (e dei loro allenatori presenti a bordo pedana): nelle loro performances hanno dimostrato notevoli capacità artistiche e davvero tanta serietà nello svolgere i loro esercizi. Per Mario Gabossi (accompagnato al mondiale, oltre che dai massimi rappresentanti della sua società anche da un folto gruppo di sostenitori giunti in pullman dalla Vallecamonica), per la sua famiglia, per la Polisportiva Disabili Valcamonica e per la Ginnastica Camunia le medaglie conquistate ai Mondiali rappresentano sicuramente un grande risultato considerando sia la giovane età di Mario (14 anni) e sia il fatto che a Mortara, sabato scorso, l’atleta camuno ha affrontato la sua prima uscita internazionale che lo ha messo di fronte ad atleti, giurie ed ambiente molto più evoluti e difficili rispetto a quelli che abitualmente trova nelle competizioni nazionali. Mario ha tuttavia superato con disinvoltura tutto ciò eseguendo il suo programma con grande sicurezza e fluidità.

Marco Filippi Pioppi