Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Premiati gli atleti della Polisportiva Disabili Valcamonica

Come ogni anno la Polisportiva Disabili Valcamonica ha radunato al PalaCongressi di Boario Terme gli atleti, i tecnici, i dirigenti, i volontari della società, i partners dei tanti progetti (scuole, istituzioni, cooperative) per le tradizionali premiazioni annuali che sono anche l’occasione per riassumere un anno di risultati e per programmare il futuro. E così con l’apertura a sorpresa di una telefonata ‘americana’ con applauso di tutta la sala ad Elena Fanchini e la lettura e il commento dell’articolo 3 della nostra Costituzione, Sergio Gabossi ha iniziato ad elencare i tanti progetti 2018 della Polisportiva, lasciando poi il microfono ad Angelo Martinoli per la presentazione dei risultati degli atleti nel corso della stagione sportiva, con relativo contorno di foto e filmati sul grande schermo. I primi due premiati, gli atleti che hanno dato lustro alla società di Gigliola Frassa partecipando alle Paralimpiadi di Pyonchang: Davide Bendotti e Cristian Toninelli, tuttora impegnati a preparare la stagione 2019. Tanti i risultati dei due sciatori, sci alpino per Bendotti sci nordico per Toninelli, così come poche le parole dei due premiati che comunque hanno garantito massimo impegno anche nella prossima stagione. Presenti molte autorità civili e rappresentanti della Istituzioni: Massimo Maugeri, assessore allo sport in Comunità Montana di Vallecamonica, il sindaco di Darfo Boario Terme Ezio Mondini, gli assessori Katia Bonetti allo sport, Giacomo Franzoni alla cultura, Doralice Piccinelli alle politiche Sociali e Simonetta Urgnani assessore ai Servizi Sociali del comune di Lovere, i referenti dei service Lions di Vallecamonica, Rotary e Panathlon Club di Vallecamonica. Quindi il numeroso gruppo dello sci nordico e alpino FISDIR pluri medagliato ai campionati italiani di Sappada, atleti che sono stati premiati successivamente come partecipanti a vario titolo dell’atletica leggera. Via via quindi sono stati premiati gli atleti del ciclismo e dell’handbike (Emanuele Bersini, Giordano Tomasoni, Mirco Bressanelli, Andrea Ghiradi, Sergio Pogna), discorso a parte per Giuseppe Romele che dopo le ottime prestazioni del nuoto si sta cimentando sulla carrozzina a spinta nel ciclismo (con partecipazione alla Maratona di Berlino) e nello sci nordico. Poi la Ginnastica Artistica con Giulia Fontana, il Tennis con Stefano Del Bello e Barbara Bassi e la presentazione del Torneo alla Memoria di Giovanni Gheza, papà del dott. Roberto, tra i fondatori della Polisportiva e past president del Panathlon di Vallecamonica, il baskin, il tiro con l’Arco con il tecnico Elio Imbres che ha presentato i Campioni Italiani a squadre Torri, Cekaj e Lebrino e le atlete Stefania Giacometti e Santina Pertesana, storica atleta della Polisportiva. E dopo il team della vela, Stefano Del Bello e Giusy Ferrari, ecco il folto gruppo dell’Atletica Fisdir con tre momenti importanti nella stagione: i Campionati Italiani di Firenze e la partecipazione di tre atleti (Rondi, Federici ed Alessandro Provera) al Golden Gala di Roma e lo stesso Rondi che ha partecipato ai Campionati Mondiali all’isola di Madera in Portogallo. E per concludere i CamUnici, squadra di calcio guidata da Vittorio Serini e dai suoi collaboratori che quest’anno disputa il campionato CSI con le squadre femminili del Comitato di Vallecamonica. Poi l’annuncio di nuovi atleti, i ringraziamenti ai tantissimi volontari che ogni giorno seguono i ragazzi e il grazie della presidente Gigliola Frassa al Consiglio della Polisportiva che progetta le tante attività della società, agli sponsor che aiutano concretamente, alle Istituzioni che offrono i loro contributi. Infine il ricco buffet e l’annuncio del pranzo della società fissato per domenica 9 dicembre all’Albergo Aprica di Boario Terme.

Marco Filippi Pioppi