Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Tesserati alle Federazioni le novità della stagione 2016/2017

Diverse le novità introdotte dal Consiglio di Comitato nell’attività sportiva della stagione 2016/2017; le più rilevanti delle varie discipline sportive le trovate sfogliando il programma dell’attività sportiva. Ne riassumiamo alcune che riguardano il regolamento generale a partire dall’ammissione dei tesserati con le federazioni o altri Enti di Promozione Sportiva.

Il Consiglio ha approvato l’ammissione di questi tesserati con le limitazioni previste dal regolamento nazionale in tutte le categorie CSI ad eccezione della Mista Amatori.

Queste limitazioni prevedono nel calcio che possono tesserarsi (entro il 31 dicembre 2016) e gareggiare nel CSI giocatori che, pur tesserati con una differente società sportiva:

- non abbiano preso parte ad alcuna gara ufficiale federale nel corso dell’anno sportivo in corso (a far data dal 1 luglio) tesserandosi anche dopo il 31 dicembre

- abbiano preso parte nella stagione in corso a “gare ufficiali” di seconda e terza categoria. Alle società con doppia affiliazione CSI/FIGC anche della prima categoria

- non abbiano preso parte, per il calcio femminile, a “gare ufficiali” FIGC in serie A e B.

È consentita la partecipazione di atleti “svincolati federali” nel rispetto dei limiti di serie o categoria agonistica già descritti in precedenza.

Si precisa che nel caso in cui un atleta si tesseri prima al CSI e poi in FIGC per una medesima disciplina sportiva, lo stesso non potrà più prendere parte all’attività sportiva CSI dal momento in cui prende parte alla prima gara federale.

Per partecipare all’attività del CSI i tesserati devono essere tesserati entro i limiti stabiliti, con il nulla osta della società sportiva di Federazione o EPS e devono essere segnalati obbligatoriamente sulla distinta di gioco. 

Il limite minimo di incontri giocati per accedere alla fase finale resta applicato solo a chi disputa due campionati della stessa disciplina (quindi anche CSI/FIGC); il numero minimo di incontri da disputare per accedere alle fasi finali è stato ridotto al 40%. Questo limite non viene considerato se l’atleta partecipa ad un secondo campionato di categoria superiore. Si raccomanda le società sportive di utilizzare le distinte on-line per agevolare il lavoro di verifica delle commissioni tecniche.

Nella pallavolo è consentita la partecipazione ai tornei del CSI (con tesseramento entro il 28 febbraio 2017) dei tesserati FIPAV:

- se appartengono alla stessa società sportiva e se non hanno preso parte a gare ufficiali dalla serie D in su con eccezione per gli atleti che non abbiano compiuto i 16 anni d’età all’atto del tesseramento (nessun vincolo);

- se appartengono a due società sportive diverse (esclusi dalla serie D in su) devono presentare il nulla osta rilasciato dalla società FIPAV a meno che non abbia mai preso parte a gare ufficiali FIPAV nella stagione sportiva in corso.

Sia nella pallavolo che nel calcio la mancata presentazione del nulla osta equivale alla partecipazione irregolare dell’atleta alle gare del CSI.

Nella categoria Mista Amatori di pallavolo è consentita così l’ammissione di atleti/e ex FIPAV senza limiti di età  e senza il limite temporale dei tre anni dalla cessata attività in federazione degli atleti. Sugli spostamenti gara il Consiglio ha ridotto a tre settimane il numero di giorni per il preannuncio degli spostamenti entro i quali non si paga la tassa spostamento e ampliate agli impegni di Catechismo (con dichiarazione del parroco) e all’allenatore qualificato impegnato contemporaneamente con altra squadra CSI la gamma di casi per lo spostamento d’ufficio (senza tassa) degli incontri. Esentate anche le richieste di spostamento delle gare anticipate/recuperate nella stessa giornata di campionato.

Le novità più rilevanti apportate nel regolamento generale nazionale dell’attività  sportiva riguardano;

Art. 45 Documenti di riconoscimento

Nel caso di mancanza delle tessere CSI, l’arbitro può ammettere alla partecipazione atleti, dirigenti e tecnici mediante l’accettazione della “Lista certificata di tesseramento” oppure delle “Distinte di Gioco online” (cfr. “Norme sul tesseramento CSI” e successive precisazioni).

Art. 15 Tutela sanitaria

In ottemperanza alle deliberazioni assunte dal Consiglio nazionale del Centro Sportivo Italiano, per quanto riguarda la tutela sanitaria e la relativa certificazione medica si rimanda a quanto previsto all’apposita sezione dalle “Norme di tesseramento”, pubblicate dalla Presidenza nazionale CSI e alle norme riportate nell’Appendice del presente volume. (Uso Defibrillatori)

Calcio a sette

Possono partecipare all’attività calcistica CSI (calcio a 11, calcio a 7 e calcio a 5) i tesserati alla FIGC che abbiano presso parte alle attività giovanili federali rientranti nella categoria Juniores CSI non considerando i limiti di Serie o Categoria agonistica, previsti dal precedente

Art. 62 Irregolare partecipazione di uno o più atleti alle gare

La partecipazione ad una gara di uno o più atleti al di sotto del limite minimo di età previsto dai regolamenti non comporta la perdita della gara ma soltanto l’assunzione di eventuali provvedimenti disciplinari nei confronti degli atleti interessati e del dirigente accompagnatore.

Art. 4 Modalità per lo svolgimento degli sport di squadra

Per esigenze organizzative previste dal circuito dei Campionati nazionali, i Comitati CSI possono prevedere che una stessa Società sportiva (e quindi anche il singolo atleta) disputi due gare nell’arco della stessa giornata solare.