Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

La nostra colonna sonora

Ci ha abituati don Battista ad abbinare le sue riflessioni con una canzone che dava un significato particolare ai nostri incontri. Una sorta di colonna sonora. Per questi cinque anni il tema musicale è stato scandito dalle parole e dalle note della canzone di Giorgio Gaber “L’appartenenza”, canzone in sintonia con “Dove ogni maglia ha un’anima” tema scelto dal CSI nazionale. Abbiamo adottato una nuova colonna sonora per il prossimo futuro: “Padroni di niente”; è un testo figlio di un evento che nessuno avrebbe mai pensato o immaginato di poter vivere. Una canzone dove si racconta della consapevolezza che “nessuno è padrone di nulla” e che dobbiamo essere pronti ed aperti ai cambiamenti. Un invito a concentrarsi di più sul valore della vita e su ciò che ad essa dà senso. Tra questi elementi, che danno un senso alla vita, noi ci mettiamo l’attività sportiva.

Padroni di niente (Fiorella Mannoia)

Passa, certo che passa
Il tempo cammina e lascia la sua traccia
Disegna una riga sopra la mia fronte
Come fosse la linea di un nuovo orizzonte
Cambia, la mia faccia cambia
Cambia la mia testa, il mio punto di vista
La mia opinione sulle cose e sulla gente
Cambia del tutto o non cambia per niente
E poi e poi e poi sarà
Che quando penso di voler cambiare il mondo
Poi succede che
È lui che invece cambia me
E poi e poi e poi sarà
Che quando penso di voler salvare il mondo
Poi succede che
È lui che invece salva me
Passa, e certo che passa
L'uomo cammina e lascia la sua traccia
Costruisce muri sopra gli orizzonti
Stabilisce confini, le leggi, le sorti
Sbaglia, sbaglia chi non cambia
Chi genera paura, chi alimenta rabbia
La convinzione che non cambierà mai niente
È solo un pensiero che inquina la mente
E poi e poi e poi sarà
Che quando penso di voler cambiare il mondo
Poi succede che
È lui che invece cambia me
E poi e poi e poi sarà
Che quando sento di voler salvare il mondo
Poi succede che
È lui che invece salva me
C'è che siamo padroni di tutto e di niente
C'è che l'uomo non vede, non parla e non sente
Qui c'è gente che spera in mezzo a gente che spara e dispera l'amore
Qui c'è chi non capisce che prima di tutto la vita è un valore
E se fosse che stiamo davvero sbagliando
E facendo il più brutto dei sogni mai fatti
E se fosse che stiamo soltanto giocando
Una partita di scacchi tra il nero ed il bianco, il nero ed il bianco
E poi e poi e poi sarà
Che quando penso di voler cambiare il mondo
Poi succede che
È lui che invece cambia me
E poi e poi e poi sarà
Che quando sento di voler salvare il mondo
Poi succede che
È lui che invece salva me
C'è che siamo padroni di tutto e di niente
C'è che l'uomo non vede, non parla e non sente
Qui c'è gente che spera in mezzo a gente che spara e dispera l'amore
Qui c'è chi non capisce che prima di
Tutto la vita è un valore, la vita è un valore

Associazione Sportiva Dilettantistica C.S.I. Vallecamonica Via S.Martino n.44 - 25050 Plemo di Esine (BS) C.F. 90002580174 - P.IVA 01927640985
© 2015 CSI Vallecamonica. All Rights Reserved. Designed By Electronic Center S.r.l.